Fabio Geda, Nel mare ci sono i coccodrilli, a cura dell’istituto magistrale M.T. Varrone di Cassino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
IL LIBRO.

Il viaggio di Enaiat, protagonista della storia, inizia con un abbandono: l’atto estremo della madre che lo lascia solo, lontano da casa, per salvarlo dalla schiavitù. L’avventura del ragazzo è cruenta, aspra, dolorosa, ma soprattutto vera. Il suo lungo viaggio dal Pakistan fino in Italia, tra culture e lingue diverse e spesso incomprensibili, ha un solo scopo: trovare un luogo dove poter finalmente crescere con la propria età. Accompagnato da amici, figli della strada senza origini, attraverserà posti e vivrà situazioni impensabili, tra mille ostacoli e sacrifici. Gli incontri con persone generose e solidali allevieranno le sue sofferenze e colmeranno parte dell’immenso vuoto lasciato dalla sua famiglia, solo apparentemente dimenticata. La scelta di raccontare la storia senza l’ausilio di lunghe descrizioni, evitando di soffermarsi sui particolari e alternando brevi ma significativi dialoghi tra il protagonista e Fabio Geda, rende incredibilmente vivi e reali i fatti narrati e il lettore partecipe della vicenda. Si resta, infatti, fortemente colpiti dal coraggio e dalla determinazione di Enaiat, che riesce ad attingere forza sempre nuova anche dalle sconfitte più dure, mosso com’è dalla salda e genuina speranza nel domani, quel domani che – ne è convinto – è lì, da qualche parte, anche per lui. (Fabio Geda, Nel mare ci sono i coccodrilli, Dalai, 2010, pp. 155)

LA CITAZIONE.

“Come si fa a cambiare vita così, Enaiat? Una mattina, un saluto.”
“Lo si fa e basta, Fabio.”
“Una volta ho letto che la scelta di emigrare nasce dal bisogno di respirare.”

S(HORT) M(EMO OF THE) S(TORY). Partire. Crescere. Paura e speranza colorano il viaggio: non sgretola il sogno l’impervia montagna né il mare impetuoso, non ferma il cammino la mano dell’uomo, e neppure il destino.

IL PERSONAGGIO.

Sono poche le persone che riescono a opporsi saldamente all’ingiustizia come il maestro di Enaiat. Pochi tratti delineano il profilo di un uomo buono, pacato, serio. Quando i talebani si presentano a scuola con l’ordine di chiuderla, egli si oppone con parole sagge e profonde, che ne rivelano l’indole sensibile e appassionata. Sa bene che dovrà pagare per la sua presa di posizione, ma gli occhi restano fermi di fronte alla morte: arrivederci ragazzi, e poi più nulla. Oggi che tanti, troppi sono i “professori”, ecco il vero Maestro.

a cura dell’Istituto Magistrale M.T. Varrone, Cassino (Frosinone)

immagine per Fabio Geda, Nel mare ci sono i coccodrilli

Altri Progetti